Crea sito

UNDERWATER WORLD

Home
Piante Contatti

Umbra pygmaea - Umbra orientale

pH
6.0 - 6.5
dGH
Temperatura
17° - 23°C
Lunghezza
15cm

 

 

 

 

 

 

Sinonimi

Leuciscus pygmaeus, Fundulus fuscus, Melanura annulata, Umbra limi pygmaea.

Habitat

Si trova nelle acque basse e nelle paludi degli Stati Uniti. Da Long Island al fiume Neuse.

Primo avvistamento

De Kay 1842, in acquario 1901.

Dimorfismo

Il maschio è più piccolo e raggiunge i 12cm massimo mentre la femmina raggiunge i 15cm.

Comportamento

Pacifico pesce di branco senza troppe pretese. Diventa territoriale solamente durante la riproduzione. La femmina sorveglia la nidiata.

Allevamento

Ha bisogno di una vasca con fondo sabbioso morbido, densa vegetazione ai lati e sul retro della vasca. Piantumare solamente con piante che sopportino bene l'acqua fredda e lasciare spazio libero al centro per il nuoto. Non posizionare la vasca sotto il sole diretto. Questo pesce preferisce una discreta filtrazione in torba. Durezza 5° dGH e pH 6.0 - 6.5. Un'abbondante ossigenazione non è di fondamentale importanza. Pesce ideale per vasche di comunità che ospitano pesci d'acqua fredda.

Riproduzione

Si riproduce in primavera e le uova necessitano circa 12 giorni per schiudersi. Temperatura dell'acqua di 19° - 23°C. La femmina scava una buca che verrà difesa molto ferocemente da chiunque si avvicini. La femmina diventerà meno aggressiva durante la deposizione. Verranno deposte sino a 300 uova che verranno pulite e ventilare dalla femmina. Una volta che le uova si saranno schiuse la femmina smetterà di sorvegliarle. Gli avannotti sono molto facili da allevare e, se non alimentati abbondantemente tendono a diventare cannibalistici.

Alimentazione

Pesce carnivoro che si nutre di qualsiasi tipo di cibo vivo ed accetta anhe scagliette e mangime granulare.

Note

Questo pesce differisce dal cugino Europeo Umbra krameri dal numero di raggi sulla pinna dorsale. L'U. pygmaea ne ha 3 mentre l'U. krameri solamente uno. Questi pesci si addomesticano facilmente, riconoscendo rapidamente il proprio allevatore e fidandosi facilmente di lui. Possono respirare tramite la loro vescica natatoria e, grazie a questo stratagemma, possono riuscire a respirare anche in acque molto povere di ossigeno.