Crea sito

UNDERWATER WORLD

Home
Piante Contatti

Scatophagus argus argus - Pesce leopardo

pH
7.0 - 8.0
dGH
15° - 35°
Temperatura
20° - 28°C
Lunghezza
30cm

 

 

 

 

 

 

Sinonimi

Chaetodon argus, Chaetodon altomaculatus, Chaetodon pairatalis, Cacodoxus argus, Ephippus argus, Sargus maculatus, Scatophagus macronotus, Scatophagus ornatus.

Habitat

Può esser ritrovato in acque dolci, salate e salmastre dell'Oceano Pacifico e Indiano. Si trova specialmente in Indonesia, Filippine e Tahiti.

Primo avvistamento

Linnaeus 1766, in acquario 1906.

Dimorfismo

Sconosciuto.

Comportamento

Pacifico nei confronti del compagno di vasca, è un vivace pesce di branco con un unico difetto, mangia le piante.Abbinare ad altre specie che esigano lo stesso tipo di acqua salmastra. Ottimi abbinamenti sono Monodactylus argenteus, pesci palla del genere Tetraodon e pesci arceri del genere Toxotes.

Allevamento

Aggiungere piante molto resistenti, sia al sale che al pesce, ai lati della vasca e rocce per creare nascondigli. Lasciare molto spazio libero per il nuoto. Aggiungere almeno 3 - 4 cucchiai da té di sale da cucina ogni 10 litri d'acqua. pH 7.0 - 8.0 e durezza 15° - 35° dGH.

Riproduzione

Mai riuscita in acquario. In natura, la riproduzione avviene in mare aperto. Terminata la fase iniziale di crescita dei piccoli, avviene un fatto molto particolare. Mentre i maschi tendono a rimanere in mare, spostandosi però in zone costiere in corrispondenza di sbocchi fluviali e scarichi fognari, le femmine risalgono i fiumi andando a vivere in zone leggermente salmastre o quasi del tutto dolci. I due sessi non si incontreranno più sino alla nuova riproduzione, occasione in cui le femmine, sentendosi cariche di uova, torneranno in mare aperto in cerca di maschi fertili. La pesca per scopi acquaristici avviene prevalentemente in acque interne, per questo si trovano quasi esclusivamente femmine in commercio. Una delle principali cause della morte delle femmine è la generazione automatica delle uova, anche in assenza di maschi, che porta alla loro marcescenza poiché trattenute nel ventre.

Alimentazione

Pesce onnivoro che si ciba di qualsiasi tipo di cibo vivo, piante a foglia sottile, alghe, lattuga, farina d'avena e scagliette.

Note

Questi pesci sono molto sensibili ai nitriti. I giovani individui preferiscono l'acqua salmastra mentre gli adulti preferiscono acqua marina. Questi pesci subiscono stadi di metamorfosi. Le larve sono caratterizzate, nello stadio tiolittico, dalla loro grande testa e da robuste placche ossee. In questo stadio sono molto simili al pesce farfalla marino. Maturano cambiando la sua placcatura ossea.