Crea sito

UNDERWATER WORLD

Home
Piante Contatti

I detti di conchiglie del Lago Tanganyika.

Biotipi--->
Approfondimenti sui Ciclidi del Lago Tanganyika--->

Il Biotipo.

Lungo le distese sabbiose del Lago Tanganyika, a profondità di 10 - 15 metri e 30 - 35 metri, si possono ritrovare delle vaste aree interamente coperte da gusci di gasteropodi morti. Questi letti, possono arrivare ad esser spessi anche diversi centimetri. Grazie alla gran quantità di carbonati in soluzione e l'elevata alcalinità dell'acqua, i gusci delle conchiglie possono rimanere intatti per lunghissimi periodi. Grazie anche alla precipitazione dei sali di calcite, che ha fatto concrezionare le conchiglie, si è formata una distesa, anche di un centinaio di metri quadrati, di piccole tane, a disposizione dei piccoli Ciclidi che popolano questa zona del lago.

Chimica dell'acqua.

La temperatura media dell'acqua varia dai 24°C ai 28°C. L'acqua di questo lago è molto limpida ed ossigenata. L'acqua è alcalina, con un pH che varia da 8.6 a 9.5. L'acqua del Lago Tanganyika è leggermente dura, con una durezza totale di 7° - 15° dGH. La durezza carbonatica varia dai 16° ai 20° KH. La conduttività è di circa 600 microSiemems/cmq.

Le piante.

In questa zona, prevale una vegetazione del tipo lacustre del genere Vallisneria e Ceratophyllum che, a causa dell'elevata concentrazione di sali, presentano foglie inspessite e forme molto raccolte.

Ceratophyllum demersum

Vallisneria spiralis

I pesci.

Nei letti di conchiglie si possono ritrovare questi pesci:

Lamprologus callipterus

 

Lamprologus kungweensi

 

Lamprologus meleagris

 

Lamprologus ocellatus

 

Lamprologus ornatipinnis

 

Lamprologus speciosus

 

Lepidiolamprologus sp. "Meeki Kipili"

 

Neolamprologus boulengeri

 

Neolamprologus brevi

 

Neolamprologus callirius

 

Neolamprologus falcicula

 

Neolamprologus hecqui

 

Neolamprologus meleagris

 

Neolamprologus multifasciatus

 

Neolamprologus similis

 

Neolamprologus speciosus

 

Neolamprologus wauthioni

 

Telmatochromis sp. "vittatus shell"

 

Gli invertebrati.

Nei letti di conchiglie si possono ritrovare questi invertebrati:

Lavigeria grandis

Neothauma tanganicense

Paramelania damoni

Pila ovata

La vasca tipo.

La vasca può variare dai 60 ai 250 litri in totale, tutto dipende dalla vastità del biotipo che si vuol realizzare. Ovviamente, più la vsca sarà grande e maggiore sarà il numero di pesci e specie allevabili. Prendiamo in considerazione una vasca da 250 litri, di dimensioni 100x50x50. La vasca ideale per questo biotipo deve essere sviluppata in modo da ricreare un leggero declivio, fittamente ricoperto di conciglie e qualche piccolissima formazione rocciosa.

Il fondo dovrà essere realizzato con 8 - 10cm di sabbia fine, moderatamente calcarea. questo dovrà essere cosparso di gusci di Neothauma o altri gasteropodi presenti nel Tanganyika. In mancanza di questi possono essere utilizzati tranquillamente i gusci vuoti di Ampullaria o quelli di chiocciola terrestre venduti per la ristorazione. Si consiglia di utilizzare non meno di 90 - 100 gusci.

I valori dell'acqua sono quelli riportati in precedenza. Se non si riuscisse a ricreare una tale situazione, si consiglia l'utilizzo di acqua osmotica con l'aggiunta di appositi sali in commercio, dedicati alla creazione del biotipo Tanganyikano.

Piamtumare con Vallisneria spiralis (6 - 7 piante) e Ceratophillum demersum (6 - 7 piante) in prossimità delle rocce e sul retro della vasca.

L'illuminazione deve essere soffusa. Si consigliano 2 neon da 28W. Come temperatura di luce, i 6500K sono ottimi per ricreare la giusta illuminazione. In questo modo si potrà avere una proporzione di 0,23W/litro.

Il riscaldamento sarà affidato a 2 riscaldatori da 200W.

Filtrazione con 1 potente filtro esterno da 1000l/h abbinato, a discrezione dell'acquariofilo, ad un filtro a letto fluido.

Si consiglia di tenere la vasca in maturazione per almeno 1 mese.

Come popolazione ittica si consiglia: Neolamprologus brevis (3M+3F), Lamprologus ocellatus (2M+2F), Telmatochromis sp. "vittata shell" (1M+1F). Mediamente ogni pesce avrà a disposizione circa 20 litri d'acqua.