Crea sito

UNDERWATER WORLD

Home
Piante Contatti

Cryptocoryne crispatula

pH
6.5 - 8.5
Durezza
6° - 18°
Temperatura
20° - 28°C
Luce
Medio bassa
Provenienza Asia
Dimensioni h = 60cm
Crescita Veloce

 

 

 

 

 

 

 

Scopritore

Engler 1920.

Famiglia

Araceae.

Distribuzione

India orientale, Thailandia, Laos, Vietnam meridionale e Cina meridionale.

Descrizione

Pianta palustre che, in coltivazione immersa può arrivare a 70cm di altezza mentre in coltivazione emersa può raggiungere a stento i 25cm. Foglie con picciolo lungo sino a 25cm. Lamina fogliare da ntriforme stretta a lnceolata, di dimensioni 10 - 15 x 0,2 - 4cm, da liscia a ondulata a fortemente bollata, flaccida o rigida. Apice acuto, base stretta, raramente rotonda. Colorazione da verde scuro a marrone a rossiccio. Spata di 5 - 40cm di lunghezza, una tuba di 2,5 - 30cm. Lamina di circa 3 - 8cm di lunghezza, ritorta in spirali, internamente liscia, di colore crema, azzurro chiaro o verde, con macchie o righe rossiccio violacee che ricoprono quasi tutta la superficie o, in altri casi sono del tutto assenti. Collare assente. Gola della stessa colorazione del lembo. Fiori femminili da 4 a 6, fiori maschili da 30 a 130. 36, 54 cromosomi.

Coltivazione

Le differenti varietà di Cryptocoryne crispatula, che dipendono dal differente ambiente di coltivazione o di origine, sono differentemente adatte alla vita in acquario. La miglior varietà per la coltivazione in vasca è la var. balansae, che è d molti anni disponibile in commercio. Questa prospera molto bene in acque da medio dure a dure con valori di ph alkalini ed ha bisogno di un'illuminazione medio bassa.

Ecologia

Le differenti varietà di Cryptocoryne crispatula si sono adattate a quasi tutte le condizioni possibili dei loro luoghi d'origine. Alcuni esempi per capire come si sviluppa la pianta a seconda delle caratteristiche del fiume sono: nei fiumi che hanno un livello pressocché costante presentano foglie molto strette con lamina fogliare ondulata o bollata; nei fiumi dove il livello dell'acqua segue maggiormente l'andamento delle stagioni si sviluppano maggiormente le forme anfibie, caratterizzate da foglie più o meno liscie e corte. Esistono anche forme intermedie che si sviluppano a seconda del cambiamento più o meno pronunciato del livello dell'acqua. Le piante coltivate presentano foglie dalla forma costante. Il substrato dove queste piante si sviluppano è composto prevalentemente da roccie e pietrisco ed è molto ricco di sostanze nutrienti. La var. balansae cresce in corsi d'acqua lenti, molto ricchi di limo, tanto da creare sulle foglie uno spesso strato. La var. crispatula invece cresce in veloci corsi d'acqua, a temperature che possono variare dai 16° ai 21°C.

Varie

Esistono 5 differenti varietà di questa pianta: var. balansae, var. crispatula, var. flaccidifolia, var. sinensis, var. tonkiensis. Come detto in precedenza, la var. balansae è la maggiormente coltivata, le var. crispatula, flaccidifolia e tonkiensis sono molto più rare in acquariologia e la var. sinensis non viene proprio coltivata in vasca. Qui di seguito viene riportata una chiave identificativa per le diverse varietà:

1) Foglie bollate o ondulate -> 2);

1a) Foglie lisce -> 4);

2) Foglie larghe 1 - 4cm -> var. balansae;

2a) Foglie strette, larghe 0,2 - 1,2cm, ondulate -> 3);

3) Foglie larghe 0,2 - 0,4cm -> var. tonkinensis;

3a) Foglie larghe 0,4 - 1,2cm, flaccide -> var. flaccidifolia;

4) Foglie piuttosto rigide, lunghe 10 - 20cm, larghe 0,8 - 1,5cm -> var. sinensis;

4a) Foglie molto lunghe e/o strette -> 5);

5) Foglie molto strette, 0,2 - 0,4cm, lunghe sino a 20cm, flaccide -> var. tonkinensis;

5a) Foglie larghe 0,4 - 1,6cm, lunghe 15 - 50cm, piuttosto rigide o flaccide -> 6)

6) Foglie piuttosto rigide, 15 - 40cm di lunghezza, margine liscio o dentellato -> var. crispatula;

6a) Foglie flaccide, lunghe 20 - 50cm, margine liscio o leggermente ondulato -> var. flaccidifolia.